"INUIT DEL LARIO" - CANOA KAJAK 90 A.S.D.

LA PASSIONE PER IL KAYAK DA MARE, LA NATURA E GLI AMICI...



"vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere,
dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare
e avere la pazienza delle onde, di andare e venire
ricominciare a fluire..." (Tiromancino)



giovedì 29 novembre 2007

QUATTRO NUOVI KAYAK DA MARE AL CK90!!!

Sono arrivati freschi freschi dalla Sicilia!!!



Ecco in anteprima i 4 nuovi kayak da mare entrati da poche ore nella sede del CK90.
Sono 4 Genesis 5000 Migrator della Fiberline, 3 in allestimento base per corsi ed escursioni sociali e uno allestito SSK per il buon Cristiano.



Eccoli schierati di fronte alla sede, al cospetto delle acque del lago di Garlate, che, ci auguriamo, bagneranno le loro chiglie per molti e molti anni.


In bella mostra sul carrello...



Fianco a fianco col fratello maggiore.

Ora manca solo il battesimo dell'acqua... Non vedo l'ora!!

lunedì 26 novembre 2007

VECCHIE FOTO DI KAYAK RISCOPERTE SUL PC...

...mitico Seal...... made in Janautica... con ciminiera incorporata a prua

L'istruttore al lavoro...
... la moltiplicazione degli istruttori...
Posted by Picasa

lunedì 12 novembre 2007

Winter Sea Kayak Italian Event - WISKIE 2007


Ciao Geckisti!

ecco un raduno a cui il CK90 (e i suoi Inuit) non possono mancare!!!
E’ organizzato dal "buon" Luciano Belloni (Guida Marina) con il patrocinio di Sottocosta (www.sottocosta.it).

Il programma di questa edizione, che è un po’ la chiusura della stagione 2007 del kayak da mare per gli iscritti a Sottocosta e non, prevede un’escursione nel Golfo dei Poeti.

Ecco il programma ufficiale della manifestazione:

Domenica 16 Dicembre 2007
Il punto di ritrovo è alle ore 9.30 in località Le Grazie, tra La Spezia e Portovenere.
Come arrivarci: da La Spezia seguire la strada no. 530 per Portovenere e deviare a sx in località Le Grazie (deviazione in curva) e dopo circa 100 mt deviare ancora a sx per raggiungere la zona dei posteggi nei pressi del campo sportivo.
Il parcheggio auto è a pagamento e per i ticket ci sono le colonnine azzurre (dovrebbero essere € 5,00 per tutta la giornata); a Le Grazie non ci sono parcheggi gratuiti.
L’imbarco, agevolato da uno scivolo “morbido”, e alle ore 10.30 con destinazione Portovenere, Isola di Palmaria, Isola di Tino e sosta pranzo da definirsi sul posto. In caso di cattivo tempo si deciderà al momento il da farsi.

Invito tutti a partecipare!!!! Sarà la prima uscita in mare per molti di noi kayakers lacustri!!!

lunedì 5 novembre 2007

DISTRUBUZIONE GEOGRAFICA DEGLI INUIT


I popoli del ghiaccio vivono nella parte settentrionale dell’emisfero nord, dalla penisola Scandinava settentrionale, alla Siberia; dall’Alaska al Canada ed alla Groenlandia occupando un territorio composto da foreste e da zone situate oltre il limite naturale della vegetazione arborea, dalle foreste boreali delle zone meridionali della taiga siberiana alla tundra dell’Artico settentrionale.
Nell’artico scandinavo vivono i Sami, mentre in Siberia vivono ben 36 popoli differenti: Hanti, Nency o Ostiachi, Evenki, Yuraki, Selkupi, Iukaghiri, Koriaki, Jakuti, Dolgani o Sakha, Tungusi, Ciukci (che significa ricchi di renne). Nel centro dell’Alaska ed in Tchukotka (Siberia) , vivono gli Yupiit ed i Yupiget; nel nord Alaska troviamo Inupiat, Aleutini, Inuit del Nord Alaska; a sud, Yuit del sud-ovest dell’Alaska, Inuit del Mackenzie. Nelle regioni artiche del Canada vivono gli Inuit: Inuit del Rame, Netsilimiut (popolo delle foche), Inuit del Caribù, Sadlermiut, Iglulimiut, Inuit della Terra di Baffin, Inuit del Quebec, Inuit del Labrador. Nelle regioni boreali vivono i Dené, i Tlingit ed altri gruppi parlanti l’algonchino: Cri, Naskapi, Montagnesi. Nella Groenlandia vivono i Kalaallit composti dai seguenti gruppi: Groenlandesi dell’Ovest, Inuit del Polo e Groenlandesi dell’Est.
Nella regione del lago di Como vivono gli Inuit del Lario...

giovedì 1 novembre 2007

VISITA DA NIKO DELLA AVATAK

Stamattina siamo andati a trovare Niko nel suo atelier .

Ci ha parlato come ha avuto inizio la storia della Avatak. I tipi diversi di pagaia, il meccanismo attuale della smontabile, gli inserti, la forma della pala, la scelta dei materiali e la strumentazione. Dell'evoluzione delle sue pagaie, e poi di futuri progetti. Non è escluso che un domani un Kayak Groenlandese firmato Avatak vedrà la luce....

Salutandoci ci diceva che gli piacerebbe venire a trovarci al CK90, naturalmente portando alcune delle sue creazioni.